Rivista LA CORSA (190) con Fausto PARIGI e Carla PATRONE

Il n. 190 (aprile 2012) della rivista bimestrale LA CORSA è in distribuzione nelle edicole (o in abbonamento) in questo periodo. Tra i numerosi servizi, distribuiti in 128 pagine, questi gli argomenti – diversi quelli inediti, insoliti e curiosi - che interessano in particolare l’ultramaratona: pagg. 116-118: rubrica di ULTRAMARATONA, a cura di Franco Ranciaffi. Si parte con: “Tapis roulant italiano. Vito Intini 24 ore da primato” (La nuova migliore prestazione e un cenno alle prestazioni mondiali; foto); “Strasimeno. Vincono Di Cecco e la Sanna” (Cronaca e migliori classificati; foto); “IAU. Corea & nuovi membri” (Tre nuovi membri entrano in IAU: Sierra Leone, Kenya e Macedonia. Chi sono i migliori ultrarunners di queste nazioni); “Austria. Nasce la Mozart 100” (Nuova gara di 100 km in programma il prossimo 23 giugno); “Finlandia. Indoor da primato” (Adele Di Lorenzo conquista…); “Stati Uniti. Anche tre italiani all’Arrowhead” (Cronaca dell’evento; foto; articolo firmato da Elena Bolgiani); “Germania. 50 km di Rodgau straniera” (Cronaca e curiosità); “Grecia. Campionato 100 km” (Gli atleti sul podio); “Hong Kong. Giù dal Tai Shan” (La strana corsa trail che si svolge su un percorso insolito e pieno di fascino); “India. 100 km trail” (Tra viaggio e vacanza in un percorso su piste di sabbia, dune, tratti di strade semi asfaltate in un ambito storico…); “Concorso mondiale. Calcaterra e la Hawker più votati” (Classifica del sondaggio internazionale indetto dalla IAU riguardo i migliori atleti del 2011, così le classifiche…; foto); “Soufyane. Italiano dal 2005” (Chi è il marocchino ultramaratoneta divenuto…
Continua»

6 Ore, il progresso di Carla PATRONE

Torino. Progresso della matuziana Carla PATRONE (Sanremo Runners), nella specialità delle “6 ore di corsa”. Alla sua terza esperienza dell’anno in questa specialità, sabato 14 aprile a Torino ottiene un risultato di valore, anche in rapporto alla propria categoria (45-49 anni). Dopo il debutto a fine gennaio vincendo una sfida indoor al Palasport di Piancavallo percorrendo 40,981 km, Carla PATRONE si ripete il 10 marzo scorso a Mestre allungando la distanza raggiungendo la misura di 49,573 km. Il risultato di valore arriva da Torino, con partenza alle 10:00, nell’anello stradale di 1000 metri certificato e chiuso al traffico all’interno del Parco Ruffini, nella gara di contorno della “24 ore di Torino”, Carla PATRONE (pettorale 86) si migliora ancora superando il muro dei 50 km, questa volta raggiungendo la distanza di 50,906 km. Questa la classifica della “6 Ore” disputata a Torino, interamente disputata sotto la pioggia, condizionando non poco le prestazioni che potevano essere superiori:1. Paola Gueli 1964 (Podistica Tranese) 56,400 km2. Hana Kasova 1954 (Brno, Repubblica Ceca) 56,1563. Loredana Sacco 1964 (Cral Reale Mutua) 52,3304. Angela Gargano 1961 (Barletta Sportiva) 51,0905. Carla PATRONE 1966 (SANREMO RUNNERS) 50,9066. Santina Autelitano 1952 (Avis Torino) 50,8757.  Sonia Orlando 1959 (Unicredit Torino) 50,8738. Pasqualina Losurdo 1984 (Atl. 85 Faenza) 32,000 Non partita Silvana Simoni (As Pollone Biella).Con la misura di 50,906 km, Carla PATRONE firma la quinta prestazione italiana dell’anno di categoria (45-49 anni), unica ligure:1. 56,400 km Paola Gueli 1964 (piemontese) Torino 14/42. 56,031 km Giovanna Zappitelli 1962 (abruzzese) Putignano 24/33. 55,544 km Nunzia Patruno…
Continua»
[sc:Adinfrapost]

Fausto PARIGI e Carla PATRONE, a Venezia prestazioni di rispetto

FAUSTO PARIGI, nella “24 ore” di Venezia si classifica secondo con 209,217 km e ottiene la settima prestazione ligure all-time e la settima al mondo di categoria quest’anno. CARLA PATRONE, quinta donna nella storia della provincia di Imperia a debuttare nell’ultramaratona, a Venezia in 6 ore percorre 49,573 km, ottiene la sesta prestazione ligure all-time e la sesta al mondo di categoria quest’anno.   Trascorsi 49 giorni dal conseguimento della nuova migliore prestazione italiana delle 12 ore di corsa indoor – percorrendo la distanza di 125,543 km – il medico matuziano Fausto PARIGI (Sanremo Runners), 47 anni, torna a cimentarsi in una competizione di ultramaratona partecipando alla prima edizione della 24 ore su strada ospitata nel Parco San Giuliano in Mestre (Venezia). Nelle quattro gare in programma hanno aderito quasi 200 i partecipanti di ogni età ad inanellare giri nell’anello di 4200 metri. Partito prudente, PARIGI ha condotto una gara senza strafare, lasciando “sfogare” pretendenti ambiziosi, che poi hanno abbandonato anzitempo, trovandosi nel finale al secondo posto. Superata una crisi alla 15esima ora (piccola sosta per coprirsi dall’aumento della temperatura fredda, alla ripresa ha dovuto riprendere lentamente la giusta falcata della corsa; crisi protrattasi per quasi 10 km). Alla fine si è trovato come unico avversario Vasile Frigura, passaporto italiano ma nato in Romania (per questa nazionale nel 1988 ha partecipato alla maratona olimpica di Seuol vinta dal nostro Gelindo Bordin). “Vasile ne aveva di più – ha confessato all’arrivo l’onesto Fausto – anche se mi è arrivato davanti di…
Continua»

Coniugi PARIGI-PATRONE nella STORIA

Entrambi gareggiano con la Sanremo Runners.  Lui, medico anestesista all’ospedale di Sanremo, conquista la vittoria e la migliore prestazione italiana assoluta delle 12 ore indoor. Lei, casalinga, vince la gara e ottiene la seconda prestazione italiana di sempre nella 6 ore indoor.   Aviano (Pordenone). Fausto Parigi e Carla Patrone, entrambi atleti della Sanremo Runners, hanno vinto la Piancavallo Indoor. Non una gara qualsiasi, ma sono risultati che passano alla storia per diversi motivi. La manifestazione è la prima al coperto (indoor) che viene disputata e omologata nella storia italiana dell’atletica. Al Palasport di Piancavallo in programma una “6 ore” e una “12 ore”, come percorso di gara un anello di 175,08 metri. Fausto ha vinto la 12 ore maschile e la moglie Carla ha vinto la 6 ore femminile. La gara ha visto iscritti 25 iscritti (2 donne) nella 12 or e 26 iscritti (2 donne) nella 6 ore. DOPPIO SUCCESSO. Un doppio successo che fa storia perché, fatto rarissimo nell’ultramaratona, ma in generale anche nelle altre discipline sportive, che due coniugi vincano una gara nel corso della stessa manifestazione: quella di Fausto PARIGI di 125,543 km è la terza migliore prestazione mondiale dell’anno di questo primo scorcio del 2012 nelle 12 ore (la graduatoria è condotta dall’australiano Darren e dallo statunitense Pommier che hanno fatto meglio); quello della moglie Carla PATRONE con 40,981 km è la seconda migliore prestazione di sempre nella 6 ore (alle spalle della Nardin, conseguito nel 2003), ma comunque la migliore prestazione italiana di…
Continua»
[sc:Adinfrapost2]
[sc:Google_analytics]